La scala di sesta diminuita di Barry Harris (parte prima)

Intorno agli anni 40 del secolo scorso assistiamo alla nascita delle grandi orchestre swing in particolare quelle di Benny Goodman e Glenn Miller. Infatti In pieno periodo bellico, i locali e le case discografiche si sforzano di far dimenticare la guerra ed i problemi sociali ( tra cui l’apartheid verso i neri).

In queste big band  militano soprattutto musicisti bianchi, che hanno assimilato perfettamente il linguaggio swing e si accaparrano le sempre più scarse occasioni di lavoro. Continua a leggere

Robert Johnson, il diavolo ed il delta blues

Le uniche cose che ci rimangono di R. Johnson sono questa foto  e 29 tracce registrate nel 1936 ( chitarra e voce), le quali hanno influenzato un numero impressionante di gruppi ed artisti  che, per loro stessa ammissione hanno dichiarato di essersi ispirati a lui . In pratica possiamo dire: No Robert Johnson No Rock and roll.

 

Continua a leggere

Miles Ahead il film

Film biografico del 2016 incentrato sul periodo in cui Miles Davis  nel 1979 si ritirò dalle scene per qualche anno.

Ad impersonare Miles c’è il bravo  Don Cheadle, ma questo non basta a rendere il film almeno accettabile. La sceneggiatura ricorre in modo ossessivo all’uso del flashback rendendone discontinua la linea narrativa e noiosa la visione.

Continua a leggere

L’arte del Mastering

Il mastering rappresenta l’ultimo processo di tutta la catena della produzione musicale e fonografica che possiamo  dividere in 4 ben distinte fasi:

Composizione

E’ il momento della nascita del brano ed è la fase più creativa dell’intero processo. Si definisce, nella fase embrionale  l’ossatura del brano. Continua a leggere

I migliori 10 dischi di tutti i tempi (secondo Rolling Stones)

rolling-stone-best-500-albums-jackson-nirvana-pearl-jam-cash-dylan-pink-floyd-974a8046-27a2-4f1a-aabf-ebed7c5af819

 

La rivista Rolling Stone  ha votato nel 2003 la classifica dei 500 migliori dischi (pop/rock) di tutti i tempi . La giuria era composta da 273 importanti musicisti, critici, storici e persone dell’industria musicale, tra cui Beck, The Edge, Jackson Browne, Art Garfunkel, Missy Elliott e membri dei Red Hot Chili Peppers, Metallica, Linkin Park . Ciascun giurato poteva esprimere 50 preferenze, e i risultati vennero calcolati con un sistema di punti ideato dalla Ernst & Young tra 1 600 titoli.

Continua a leggere